guardia-di-finanzaArticolo tratto dal sito: www.agi.it

Tre lavoratori di origine cinese totalmente “in nero” sono stati scoperti dalla Guardia di Finanza di Ravenna durante dei controlli in due laboratori artiginali per il confezionamento di capi di abbigliamento a Faenza e a Castel Bolognese. Due di loro sono anche risultati irregolari sul territorio italiano: notificata una richiesta di rigetto del rinnovo del permesso di soggiorno, avranno tempo due settimane per lasciare l’Italia. I due titolari dell’attivita’,anch’essi cinesi, dovranno rispondere di una “maxi-sanzione”, da un minimo di 1.500 euro ad un massimo di 9.000 euro per ciascun lavoratore irregolare.

Redazione CBnewsCRONACAguardia di finanza,lavoro neroArticolo tratto dal sito: www.agi.it Tre lavoratori di origine cinese totalmente 'in nero' sono stati scoperti dalla Guardia di Finanza di Ravenna durante dei controlli in due laboratori artiginali per il confezionamento di capi di abbigliamento a Faenza e a Castel Bolognese. Due di loro sono anche risultati irregolari sul...