La Biblioteca Libertaria “Armando Borghi” (BLAB), in collaborazione con la Biblioteca Comunale “Luigi Dal Pane” di Castel Bolognese, organizza un ciclo di due incontri pubblici dedicati al tema della condizione femminile oggi. Scopo degli incontri è quello di riflettere sulla situazione attuale delle donne in Italia e in altri paesi, caratterizzata da un nuovo protagonismo e dalla spinta alla autodeterminazione, ma anche dalla necessità di difendere conquiste e diritti civili che si pensava fossero ormai inalienabili e che sono invece sottoposti a nuovi attacchi, inquadrabili in una più generale regressione culturale e politica in corso.

Il secondo evento avrà luogo Venerdì 29 novembre 2019 alle ore 20,45 presso il Teatrino del Vecchio Mercato (Via Rondanini, 19) a Castel Bolognese.
Tema della serata:
Nessuna resti indietro

Nel corso degli ultimi decenni la condizione della donna è enormemente migliorata, soprattutto nei paesi dell’occidente. Ciò nonostante, in tutto il mondo, permangono situazioni di gravi disuguaglianze. E, anche in Italia, c’è chi manovra perché la donna “resti al suo posto” (cioè sottomessa). Proviamo a riflettere insieme sulla disapplicazione della legge sull’interruzione volontaria della gravidanza, sul disegno di legge Pillon, sulle discriminazioni di genere, per contribuire a contrastare tali manovre. Con uno sguardo anche a ciò che succede in altri paesi europei, come la Polonia e l’Ungheria, dove i diritti delle donne sono pesantemente sotto attacco.

Incontro pubblico con: Alice Melandri e Dora Palumbo
Introduce Carla Atlante

RELATRICI

Alice Libera Melandri: (1977) vive a Forlì e lavora in un patronato sindacale. Si occupa da anni di femminismo, temi lgbtqi+ e tematiche di genere. Si dedica anche, da autodidatta, ai women e gender studies. Attiva nell’associazionismo femminista, ha fatto parte del Tavolo delle Associazioni contro la violenza alle donne di UDI Forlì Cesena, con cui ha realizzato alcuni progetti. Fa parte attivamente anche dell’associazione Lgbtqi+ “Un Secco No alle Discriminazioni” sin dalla sua fondazione e da un paio di anni partecipa ed anima il collettivo di genere (universitario) REA, sempre a Forlì. Ha partecipato alle assemblee bolognesi di “Non Una Di Meno” e alle iniziative a Roma in occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza alle Donne. Sta cercando, con alcune sodali, di far nascere un gruppo di N1DM anche a Forlì. Si definisce una transfemminista intersezionale.

Dora Palumbo: (1962) geologa, dopo la laurea ha svolto a lungo attività di libera professionista, collaborando inoltre a numerose ricerche con il Dipartimento di Geofisica e Vulcanologia dell’Università di Napoli e con il CNR. Dal 1999 ricopre l’incarico di funzionaria, con qualifica di specialista in Ambiente, presso la Regione Emilia-Romagna. E’ attualmente consigliera del Comune di Bologna (Gruppo Misto-Nessuno Resti Indietro). Fa parte della redazione della rivista libertaria «Cenerentola». Il suo impegno politico è rivolto principalmente alla difesa dell’ambiente, dei diritti dei più deboli e all’emancipazione femminile.

Per info: bibliotecaborghi1916@gmail.com / http://bibliotecaborghi.org

Redazione CBnewsAPPUNTAMENTI / EVENTIbiblioteca,biblioteca borghiLa Biblioteca Libertaria “Armando Borghi” (BLAB), in collaborazione con la Biblioteca Comunale “Luigi Dal Pane” di Castel Bolognese, organizza un ciclo di due incontri pubblici dedicati al tema della condizione femminile oggi. Scopo degli incontri è quello di riflettere sulla situazione attuale delle donne in Italia e in altri...