Il provvedimento riguarda tutti i sei Comuni dell’Unione
NIENTE CIBI CON UOVA CRUDE E INSACCATI IN RISTORANTI E ALBERGHI
Il divieto resterà in vigore fino al 30 settembre prossimo

Stop alle uova crude e agli insaccati freschi a base di carne suina e avicola negli esercizi di ristorazione del territorio faentino. Un’ordinanza emessa da tutti i Sindaci dei sei Comuni dell’Unione della Romagna faentina vieta, infatti, a ristoranti, alberghi e a tutti gli esercizi di ospitalità la somministrazione di prodotti alimentari contenenti uova crude e insaccati freschi non sottoposti, prima del consumo, a trattamento di cottura.

L’ordinanza fa riferimento al decreto legislativo n. 267 del 2000, e successive modifiche, e a una recente nota del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl della Romagna, che suggeriscono, appunto, per motivi di salute l’adozione di un provvedimento finalizzato a vietare nel periodo estivo, in tutti gli esercizi di ristorazione, la somministrazione di questi alimenti.

Il provvedimento resterà in vigore fino al 30 settembre 2019.

Redazione CBnewsROMAGNA FAENTINAinsaccati,uovaIl provvedimento riguarda tutti i sei Comuni dell’Unione NIENTE CIBI CON UOVA CRUDE E INSACCATI IN RISTORANTI E ALBERGHI Il divieto resterà in vigore fino al 30 settembre prossimo Stop alle uova crude e agli insaccati freschi a base di carne suina e avicola negli esercizi di ristorazione del territorio faentino. Un’ordinanza...