Facendo seguito al comunicato stampa diramato quest’oggi dall’ANBI Emilia Romagna FALDE ACQUIFERE ALL’ASCIUTTO: E’ STATO DI EMERGENZA IN AGRICOLTUR (pubblicato sotto), per quanto riguarda il Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale, il Presidente Alberto Asioli illustra brevemente qual è la situazione del comprensorio di competenza.

«Anche nel nostro comprensorio, pur con una situazione leggermente meno drammatica rispetto al resto della regione (come si evince dal prospetto allegato sul livello attuale delle falda acquifere), ci sono molte preoccupazioni per il protrarsi del periodo di siccità. Le nostre reti distributive in pressione e l’alimentazione dei vettori irrigui a cielo aperto (ossia i canali di scolo che, grazie a opportune opere di regolazione collocate lungo il loro percorso, vengono adibiti alla funzione accessoria di adduttori per la distribuzione idrica alle aziende agricole del comprensorio di pianura del Consorzio) sono in funzione h24 da diversi giorni.

A oggi abbiamo già distribuito circa 16 milioni di mq di acqua, un 20% in più rispetto allo stesso periodo del 2016. In pratica un livello climatologico e di distribuzione che solitamente si raggiunge indicativamente verso metà luglio. Fino ad ora siamo comunque riusciti a soddisfare tutte le richieste irrigue che ci sono pervenute, con la massima attenzione al risparmio e alla salvaguardia di questa fondamentale risorsa.

Nel distretto collinare e montano, purtroppo, la situazione è un po’ più grave. La ventina di invasi interaziendali realizzati nell’ambito dei precedenti Programmi di Sviluppo Rurale regionali, allo scopo di costituire una riserva d’acqua per irrigazione da utilizzare proprio nei periodo come questo con i corsi d’acqua naturali che non riescono a soddisfare il fabbisogno idrico delle colture, sta svolgendo appieno la propria funzione. Chi, però, non può attingere a tali invasi, o direttamente da corsi d’acqua naturali, si troverà costretto a fare scelte agronomiche importanti per salvare le coltivazioni.

La speranza è che il Po continui ad avere una portata sufficiente affinché il CER (Canale Emiliano Romagnolo) possa continuare ad attingere e distribuire l’acqua ai Consorzi associati, tra i quali il nostro».

Il Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale opera in un comprensorio di oltre 2.000 km quadrati (con una rete canali di 962 km), tra i fiumi Sillaro a ovest, Lamone a est, Reno a nord e il crinale appenninico tosco-romagnolo a sud. Cinque le province coinvolte: Ravenna, in prevalenza; Bologna, nell’area imolese; Forlì-Cesena, nell’area collinare di Modigliana e Tredozio; Ferrara, al confine nord-ovest del comprensorio; Firenze, nel versante adriatico della Regione Toscana che comprende i centri abitati di Firenzuola, Palazzuolo e Marradi. 35 i comuni che fanno parte del comprensorio. Il Consorzio, che ha sedi a Lugo, Faenza, Imola e Firenzuola, è articolato in due distretti: pianura e montano.


comunicato ANBI Emilia Romagna

FALDE ACQUIFERE ALL’ASCIUTTO: E’ STATO DI EMERGENZA IN AGRICOLTURA

Assenza di precipitazioni – Temperature decisamente sopra la media stagionale stanno provocando una situazione di vera e propria severità idrica in tutta la Regione Emilia Romagna.

Le verifiche effettuate in questi giorni dai Consorzi di Bonifica dell’Emilia Romagna ci consegnano un dato allarmante: i terreni agricoli hanno raggiunto il limite per la sopravvivenza delle coltivazioni agricole, al punto che l’acqua presente nel suolo è addirittura al di sotto dei livelli del dicembre 2016.

L’Italia ha sete e l’Emilia Romagna purtroppo si trova in cima a questa speciale classifica e se il clima di questi ultimi sei mesi non lascerà immediatamente spazio a significative precipitazioni che il servizio meteo-clima a breve purtroppo non prevede (se non a carattere temporalesco violento e oltremodo distruttivo come nel caso di ieri sera sull’Emilia Occidentale) nelle prossime due settimane quella che oggi è già una situazione di emergenza supportata da dati inequivocabili potrebbe trasformarsi, in poche settimane, in una emergenza catastrofica, scatenando conflitti per l’acqua tra i territori e danni colossali per l’intero agroalimentare regionale.

L’ANBI Emilia Romagna, forte degli ultimi rilievi registrati direttamente nelle locali falde acquifere superficiali dai suoi esperti operanti nei Consorzi di Bonifica, aggiunge una ulteriore prova che l’iniziativa del Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini di chiedere lo Stato di Emergenza per tutta la regione non è stato allarmismo preventivo bensì un dato di fatto già conclamato. I dati rilevati in campo negli ultimi giorni ci dicono chiaramente che a livello regionale le falde sono completamente scariche e che i livelli raggiunti sono, in quasi tutti i territori della Regione, al di sotto di quelli registrati durante l’inverno.

A questo punto la situazione inizia ad essere davvero preoccupante: quantità di acqua nelle falde praticamente nulla, riserve negli invasi quasi azzerate e a differenza delle annate maggiormente siccitose 2011-2012 si aggiunge che tale stato di crisi è arrivata a giugno quando l’agricoltura ha bisogno di massimo apporto di acqua che si protrarrà fino a tutto il mese di agosto. I Consorzi di bonifica che trasportano la risorsa a quasi tutti l’agricoltura regionale lanciano l’allarme richiamando tutti i portatori d’interesse a “fare sistema” mettendo al centro delle loro scelte questa priorità, in caso contrario i prodotti tipici alla base del Made in Italy agroalimentare dell’Emilia Romagna quest’anno potrebbero venire colpiti duramente, provocando perdite enormi. Sotto il profilo della gestione dell’emergenza idrica i Consorzi di bonifica emiliano romagnoli, che approvvigionano di acqua un territorio a sud del Po e quindi chiaramente penalizzato se comparato alle pianure delle regioni più a monte, hanno maturato in questi anni una lunga esperienza elaborando sistemi di monitoraggio, maturato riconosciute competenze sull’utilizzo virtuoso della risorsa, praticato il risparmio idrico tramite la messa in punto di sistemi intelligenti come IRRINET-IRRIFRAME. Certo è che una situazione grave come quella che si è venuta a creare in questo inizio estate 2017 non offre spunti di particolare ottimismo e a questo si aggiunge il timore che le piogge , se arriveranno, siano più distruttive che rigeneranti per l’agricoltura. Il presidente dell’ANBI ER Massimiliano Pederzoli non ha dubbi “Le falde scariche come mai prima dimostrano che la situazione è di emergenza reale e rischia anche di generare, oltre a danni colossali, anche situazioni di tensione tra i territori se non si metteranno a punto da subito, precise e condivise norme di comportamento in situazioni di tale gravità” .

Anche i grandi invasi presenti nella parte occidentale della regione, per la precisione le dighe piacentine di Molato e Mignano, sono ai minimi storici di capacità d’invaso. In questo momento solo il Canale Emiliano Romagnolo (CER) conserva disponibilità di acqua ed è in grado di essere anticiclico, finchè gli sarà possibile il prelievo dal fiume Po che nelle ultime ore ha anch’esso registrato comunque un calo rilevante di quasi mezzo metro. Non và infine dimenticato che l’acqua del CER oltre ad essere fondamentale per l’agricoltura di 5 Province approvvigiona anche tre potabilizzatori in Romagna: quello di Ravenna-Bassette, Ravenna-Standiana e Forlimpopoli-Selbagnone. In cifre una fornitura che supera i 1300 litri al secondo (110.000 metri cubi di acqua al giorno) per soddisfare le esigenze di consumo di oltre 500 mila abitanti.

Redazione CBnewsROMAGNA FAENTINAconsorzio bonifica,siccitàFacendo seguito al comunicato stampa diramato quest'oggi dall'ANBI Emilia Romagna FALDE ACQUIFERE ALL'ASCIUTTO: E' STATO DI EMERGENZA IN AGRICOLTUR (pubblicato sotto), per quanto riguarda il Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale, il Presidente Alberto Asioli illustra brevemente qual è la situazione del comprensorio di competenza. «Anche nel nostro comprensorio, pur...