Vent’anni di accoglienza, vent’anni al servizio della comunità per rispondere – insieme alle Istituzioni locali – ai bisogni sociali del territorio. E’ l’esperienza di Casa Novella che l’Amministrazione comunale di Castel Bolognese intende ricordare con un evento pubblico in programma sabato 19 novembre 2016 (ore 16, sala del Consiglio Comunale), in occasione del ventennale della nascita della Casa d’Accoglienza San Giuseppe e Santa Rita, la prima delle strutture nate dal carisma della fondatrice Novella Scardovi. Ritrovarsi oggi a vent’anni da quell’inizio significa anche ricordare la figura di Novella a vent’anni dalla sua improvvisa scomparsa, avvenuta pochi mesi dopo l’inaugurazione di quell’opera di accoglienza alla quale tanto teneva, e in seguito portata avanti dai suoi amici. Oggi Casa Novella con i suoi servizi e le sue 6 strutture accoglie fino a 115 persone al giorno, coinvolgendo 90 persone tra collaboratori e volontari.

All’evento di sabato 19 interverranno Daniele Meluzzi, sindaco di Castel Bolognese; Ester Ricci Maccarini, assessore alle Politiche sociali di Castel Bolognese; Jader Dardi, ex sindaco della “prima pietra”; Adele Tellarini, responsabile Casa d’Accoglienza San Giuseppe Santa Rita; Pierangelo Unibosi, dirigente dei Servizi sociali Unione dei Comuni della Romagna Faentina.

“Siamo davvero grati per questo riconoscimento voluto dall’Amministrazione comunale – commenta Adele Tellarini, responsabile della Casa d’Accoglienza -. Novella ha sempre inteso quest’opera come il frutto di una grande amicizia vissuta con alcune persone, compresi i rappresentanti del Comune che ci hanno sostenuto fin dal primo giorno e che nel tempo sono diventati nostri amici”.

“Insieme per abbracciare il bisogno del territorio – rimarca l’Amministrazione comunale – è il titolo e il senso che abbiamo voluto dare all’iniziativa per ricordare Casa Novella e la sua fondatrice. Per rispondere alle esigenze di una comunità sono indispensabili sinergie e collaborazione. L’esperienza di Casa Novella è un esempio virtuoso ed efficace”.

L’OPERA DI CASA NOVELLA OGGI

Dall’appartamento dove Novella e Giuliano Scardovi hanno iniziato ad accogliere le prime ragazze fino ai giorni nostri, di strada ne è stata fatta. L’opera Casa Novella oggi accoglie complessivamente 115 persone al giorno e ne coinvolge circa 90 tra collaboratori e volontari. Nucleo fondante è l’Associazione San Giuseppe e Santa Rita, fondata nel 1990, che attraverso i volontari sostiene le varie attività. La Cooperativa Sociale Educare Insieme, sorta nel 2001, svolge attività educative e socio-riabilitative per ragazzi e adulti con disabilità e disturbi di vario genere; nel 2005 è nata la Cooperativa Sociale Botteghe e Mestieri per favorire l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate.

Oltre alla Casa d’Accoglienza di Castel Bolognese (via Biancanigo 1630), Casa Novella dispone di altre 5 strutture: il centro diurno Il Fienile di Castel Bolognese per offrire un aiuto scolastico ai minori in difficoltà; il centro diurno socio-occupazionale Casa Novella Laboratori di Barbiano (Cotignola) che accoglie giovani e adulti disabili; il centro di aiuto allo studio Il Battello di Castel Bolognese per i ragazzi delle scuole medie; la Casa Fabio Minguzzi di Tebano (Faenza) dove hanno sede il centro socio-riabilitativo La Maccolina, i laboratori occupazionali per ragazzi e adulti con disabilità psichiche e disturbi correlati, e il laboratorio di produzione di pasta (marchio “Pasta della Casa”) della Cooperativa Sociale Botteghe e Mestieri; infine la Casa La Pietra, situata nella sede di Castel Bolognese e dedicata all’ospitalità residenziale di madri con disagi psico-sociali insieme ai loro figli. Per informazioni: www.casanovella.it

Redazione CBnewsAPPUNTAMENTI / EVENTIcasa novellaVent’anni di accoglienza, vent’anni al servizio della comunità per rispondere – insieme alle Istituzioni locali – ai bisogni sociali del territorio. E’ l’esperienza di Casa Novella che l’Amministrazione comunale di Castel Bolognese intende ricordare con un evento pubblico in programma sabato 19 novembre 2016 (ore 16, sala del Consiglio...