Proseguono le celebrazioni del 70° anniversario della Resistenza e della Liberazione promosse dal Comune di Castel Bolognese unitamente al locale Comitato antifascista.

Giovedì 21 maggio 2015, alle ore 20.30, presso la Chiesa di Santa Maria della Misericordia, lettura ad alta voce di Ca’ Madonna a cura di Andrea Soglia, con Silvia Farolfi (voce) e Fabio Sabetta (violoncello). L’evento, nel 70° anniversario della distruzione del teatro di Castel Bolognese, ricorda un concerto che Enrica Bolognini Giarnieri (1903-2002) tenne in un paese devastato dalla guerra; si tiene all’interno della mostra Stramonio in Si bemolle. Ritratto della famiglia Bolognini, tra la Romagna e le Americhe, dal 1860 al secondo dopoguerra a cura di Cristina Scardovi.

 

Si inaugura giovedì 21 ore 18.30 maggio 2015 a Castel Bolognese la mostra storico-artistica
Stramonio in SI bemolle, Ritratto della Famiglia Bolognini tra la Romagna e le Americhe dal 1859 al secondo dopoguerra.
La mostra presenta, in un percorso architettonico/scenografico, la storia della famiglia castellana di farmacisti e artisti, nell’arco di 150 anni.
Per un peculiare destino, la storia di questa famiglia si intreccia strettamente con quella di Giuseppe Garibaldi, Giosue Carducci, Andrea Costa, Arturo Toscanini, Astor Piazzolla e diventa protagonista di vicende a partire da Castel Bolognese per arrivare in Argentina e nell’America del Nord.
La famiglia Bolognini è stata emblematica nella vita di un paese per le esperienze di emigrazione, di guerra, per l’impegno sociale e politico post-risorgimentale, l’attività di farmacisti, la nascita del turismo e della fotografia familiare, le arti e in particolare la musica.
La mostra nasce da un’idea di Cristina Scardovi e dello studio quadrilumi.
Si avvale della collaborazione di Michele Giovanazzi, Andrea Soglia, Tomaso Marabini, Patrizia Carroli, Alessia Bruni, Domenico Giovannini, Sandro Baldrati per le ricerche storiche, d’archivio, testi , ricerche musicali.
In chiave scenografica la mostra riproporrà situazioni reali di vita quotidiana, mescolate a documenti di archivio, foto, video, audio, oggetti e ricordi, nel tentativo di ricreare suggestioni ed emozioni attraverso un percorso interattivo.
La mostra ha il patrocinio del Comune di Castel Bolognese e della Consulta emilianiromagnoli nel mondo.

21 maggio-7 giugno 2015
Santa Maria della Misericordia, Via Emilia interna n.86 -Castel Bolognese (RA)
orari apertura mostra:
Pentecoste 22-25 maggio ore 10-12.30 e 17-23
infrasettimanale 17-19.30
sabato e domenica 10-12.30 e 17.19.30
Inaugurazione giovedì 21 maggio, alle ore 18.30, e si prolunga fino al 7 giugno 2015.

 

Enrica Bolognini Giarnieri (Castel Bolognese, 1903 – Roma, 2002), poetessa e violinista, nacque a Castel Bolognese da Silvio e Rosa Zaccherini. La prima immagine di Enrica Bolognini, meglio conosciuta come Enrichetta, risale a una fotografia del 1910 in cui è ritratta nei pressi della farmacia del padre con il fratello Tullio. In una locandina del 1916, realizzata in occasione di un concerto per una raccolta di fondi a favore dei figli dei richiamati alle armi, abbiamo la notizia di una prima esibizione in pubblico di Enrichetta a Castel Bolognese.

Violino di prima fila del teatro dell’Opera di Roma, suonò con artisti come Beniamino Gigli, Tito Schipa, Renata Tebaldi. È autrice di molti testi, sia in versi sia in prosa. Enrica Bolognini non interrompe mai il forte legame col paese nativo e a testimonianza di ciò rimangono alcuni carteggi con Nicola Utili, Ubaldo Galli e Pietro Costa.

Redazione CBnewsAPPUNTAMENTI / EVENTIFeste e SpettacoliMostreliberazione,PentecosteProseguono le celebrazioni del 70° anniversario della Resistenza e della Liberazione promosse dal Comune di Castel Bolognese unitamente al locale Comitato antifascista. Giovedì 21 maggio 2015, alle ore 20.30, presso la Chiesa di Santa Maria della Misericordia, lettura ad alta voce di Ca’ Madonna a cura di Andrea Soglia, con...