Martedì 2 giugno 2015, Festa della Repubblica Italiana il 2 e il 3 giugno 1946 si tenne il referendum istituzionale, indetto a suffragio universale, con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito alla caduta del fascismoultimo appuntamento delle celebrazioni del 70° anniversario della Resistenza e della Liberazione a cura del Comune di Castel Bolognese, unitamente al locale Comitato antifascista. Alle ore 20.00 si aprono i cancelli della Chiesa di San Sebastiano e Parco delle Rimembranze per la visita libera da parte del pubblico in questa particolare occasione che ci lega al passato, al ricordo, alla morte, ma anche alla vita; alle ore 21.00 si propone la lettura Canto alle presenze leggere estratti da In canto e in veglia di e con Elena Bucci; cura del suono e interventi elettronici dal vivo Raffaele Bassetti, consulenza all’allestimento Roberto Passuti, assistenza Nicoletta Fabbri.

 

“Torno a riflettere sul passaggio lieve tra vita e morte, aprendo per la prima volta un spazio nuovo al teatro e alla musica. Si tratta di una chiesa e di un cimitero quasi invisibile mescolato agli alberi e alle piante. Ci ritroveremo in un luogo stretto tra la campagna e la via Emilia. Chissà quante volte l’avevo già visto senza guardarlo davvero. Ma quando ho varcato i cancelli sono scivolata in una bolla di passato e nel mistero del raccoglimento.

Riprendo le fila dei molti materiali scelti ed elaborati per il progetto In canto e in veglia, vincitore de I Teatri del Sacro 2013, ai quali si aggiungono la mia memoria personale, le drammaturgie degli spettacoli sulle Guerre Mondiali e i risultati di nuove ricerche. Allargo lo sguardo verso biografie, voci, lettere, diari, opere, testimonianze che tentano di dare senso al nostro vivere e al nostro sparire.

Cercando di dare sollievo al dolore delle separazioni, riscopro il valore di affetti, di gesti, di racconti che nessun evento potrà mai portarmi via. Scopro che l’assenza delle persone amate diventa una compagnia soltanto quando smetto di piangere e disperarmi, contemplo il mondo intorno e ascolto il vivere mio e degli altri.

Osservo con stupore come anche nei luoghi più terribili, anche nelle più crudeli circostanze, esista la possibilità di cambiare il dolore in sorriso, riso, pianto e vicinanza, atti che quando perdono ogni traccia di invadenza possono diventare comprensione e poesia.” (Elena Bucci, 22 maggio 2015) http://www.lebellebandiere.it/

 

Chiesa di San Sebastiano / Parco delle Rimembranze

“Premessa – Questa bella chiesa dai lineamenti semplici ma eleganti, che risentono ancora dell’arte romanica ma già interpretano il rinascimento avanzante, si erge solitaria sulla via Emilia, a circa cinquecento metri dalle mura cittadine ed all’incrocio con la strada Casolana che, risalendo la valle del Senio, porta in Toscana. Al suo interno una iscrizione originale in lettere maiuscole, dipinta nell’architrave del fianco di levante, ne ricorda il costruttore ed una data, probabilmente quella del termine dell’opera di costruzione:    M CCCCC VII DIE V MENSIS HOTOBRIS LAMBERTUS FECIT. Se tale memoria esclude l’attribuzione del bel tempio alla mano del Bramante o di Giorgio da Siena, avanzata da alcuni storici, pur autorevoli, del passato, ci dà notizie certa della data di costruzione e del suo artefice, il castellano Lamberto Galvani. […]” http://www.castelbolognese.org/edifici-e-monumenti/chiese/chiesa-di-san-sebastiano/

Redazione CBnewsAPPUNTAMENTI / EVENTIanniversario,liberazioneMartedì 2 giugno 2015, Festa della Repubblica Italiana - il 2 e il 3 giugno 1946 si tenne il referendum istituzionale, indetto a suffragio universale, con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito...