Il Castello
Costruito a partire dal 1389, il castello fu dotato di una rocca (progettata dall’architetto Antonio di Vincenzo) e di una torre con ponte levatoio (disegnata da Giovanni da Siena). Nel 1501 Cesare Borgia distrusse completamente la rocca e la cinta muraria: quest’ultima fu ricostruita dalla Santa Sede nel 1504. Attualmente rimangono ampi tratti delle mura ed una torre, frutto di un ampliamento avvenuto nel 1425.

Palazzo Comunale situato in Piazza Bernardi  
Il Palazzo comunale fu costruito nell’ottocento su progetto di Giuseppe Mengoni, ristrutturando un antico convento dei Cappuccini. Il cortile interno è abbellito da una fontana, opera di Angelo Biancini, dedicata ai bambini morti durante la seconda guerra mondiale.

Chiesa di S.Francesco situata in Piazza Bernardi  
La settecentesca Chiesa di S.Francesco conserva al suo interno pregevoli opere d’arte fra le quali ricordiamo la statua della Madonna della Concezione, attribuita alla scuola di Jacopo della Quercia, il crocifisso ligneo del XV secolo e i dipinti di G.B. Bertucci e Ferraù Fenzoni.

Chiesa di S.Petronio
La Chiesa di S.Petronio fu costruita in stile neoclassico nel 1788 su progetto di Cosimo Morelli, sul luogo ove sorgeva un edificio religioso quattrocentesco. All’interno possiamo ammirare: il “San Petronio”, olio su tela di Felice Giani, le sculture cinquecentesche di Alfonso Lombardi, un affresco di Giovanni da Riolo ed infine un dipinto della scuola di Innocenzo da Imola.

Villa Gottarelli
Situata nei pressi della stazione ferroviaria, Villa Gottarelli è immersa in un grande parco in cui sono state messe a dimora piante esotiche e rare. Nell’area è compreso un oratorio in stile neoclassico, edificato nel 1821 su progetto di Filippo Antolini.

Museo Civico situato in Viale Umberto I, 50 angolo via Emilia Interna
Il museo consta di tre sezioni: una artistica, che raccoglie disegni, dipinti e sculture di noti artisti locali (Piancastelli, Guidi, Bernardi, Fanelli, Biancini, Antolini, Balducci, Morelli, Ferlini); una storica, con testimonianze molto varie (cimeli garibaldini, targhe devozionali in ceramica, frammenti lapidei, ceramiche domestiche, una collezione di monete italiane e pontificie dal XVII al XX secolo e l’ottocentesca campana della stazione ferroviaria, con l’incisione in bassorilievo di una locomotiva a vapore); infine una sezione archeologica, con reperti provenienti da scavi operati nel circondario (particolarmente interessante è la coppia di fibule gote) e una vasta raccolta di ceramiche di epoca medioevale e rinascimentale.ritornò alla città felsinea nel 1467. Conquistato nel 1501 da Cesare Borgia dopo un assedio che portò alla completa distruzione della rocca, ritornò pochi anni dopo alla Santa Sede, di cui seguì le vicende politiche fino all’unità d’Italia. È aperto al pubblico la prima domenica di ogni mese dalle 10 alle 12.

Chiesa di S.Sebastiano situata sulla Via Emilia in direzione Bologna, a circa 1Km. dal centro del Paese, all’incrocio con la SS via Casolana
La Chiesa di S.Sebastiano, costruita nel 1506, è una delle più antiche della località. Oggi è dedicata ai caduti di tutte le guerre, ed è aperta la prima domenica di ogni mese