Morto sul treno, pensavano dormisse

Sembrava dormisse. Invece era morto. In silenzio. Sul treno regionale che da Ravenna porta a Bologna. Seduto in una carrozza vicino ad altri passeggeri. Così, tra l’incredulità di chi se ne è reso conto per primo, si è spento un uomo di 48 anni, residente a Cervia. Il malore – perché con tutta probabilità si è trattato di un arresto cardiaco – lo ha colto mentre era sul Regionale 3002 che da Ravenna porta a Bologna. L’uomo era partito da solo alle 11.33 da Ravenna e sarebbe dovuto arrivare nel capoluogo di Regione alle 12.54, ma alla stazione di Bologna non è mai sceso. I passeggeri seduti vicino a lui, nello stesso scompartimento, pensavano stesse dormendo di un sonno profondo e non l’hanno disturbato fino a che qualcuno si è reso conto che il colore della pelle stava cambiando e l’atteggiamento non era proprio quello tipico di chi sta facendo un sonnellino cullato dal rumore delle rotaie.

Così, insospettiti da quell’immobilità inconsueta, hanno provato a svegliarlo. Invano. Immediatamente è scattato l’allarme e alla prima stazione, intorno alle 12.30, alla fermata di Castel Bolognese, c’era già un’ambulanza pronta a intervenire per fornire le cure del caso. La corsa dei soccorritori è stata però del tutto inutile. Il personale sanitario, infatti, non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Il cuore del 48enne aveva cessato di battere. Morte naturale. Pare che il passeggero non abbia mostrato segni di malessere perché non ha chiesto aiuto a nessuno prima di addormentarsi per sempre. Come se la morte l’avesse colto nel sonno o non gli avesse dato il tempo di reagire nemmeno per dire un’ultima parola.
Alla stazione di Castel Bolognese sono arrivati anche gli uomini della polizia ferroviaria di Faenza. Gli inquirenti hanno escluso da subito che si potesse trattare di una morte violenta.

Fonte: http://www.romagnanoi.it/News/Romagna/Faenza/Cronaca/articoli/297672/Morto-sul-treno-pensavano-dormisse.asp

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>